COS’E’ LA DOMOTICA?
I VANTAGGI
COME SCEGLIERE
AMBITI APPLICATIVI
TIPO DI INTERVENTO

TIPO DI INTERVENTO

Fino a poco tempo fa, la domotica poteve essere adottata solo in caso di nuove abitazioni, in quanto la sua installazione era generalmente abbastanza invasiva. Con l’avvento di nuove tecnologie che hanno permesso, da un lato la miniaturizzazione dei componenti e dall’altro lo sviluppo di protocolli di comunicazione wireless sempre più affidabili, sono nati nuovi ambiti di applicazione.
Possiamo ora distinguere tre diverse tipologie di intervento e per ognuna di esse, saranno forniti alcuni esempi pratici di funzionalità realizzabili:

  • NUOVE ABITAZIONI
  • RISTRUTTURAZIONI
  • SEMPLICE MIGLIORAMENTO DELL’ESISTENTE
NUOVE ABITAZIONI

Durante la fase di costruzione di una nuova abitazione è possibile realizzare qualsiasi tipo di infrastruttura, per cui questo caso rappresenta la situazione ideale per l’applicazione di un sistema di domotica completo. Detto questo, è importante sottolineare che anche in questi casi la fase di studio e progettazione risulterà fondamentale per una corretta riuscita del progetto.

In una abitazione nuova, i sistemi di domotica utilizzati dovranno essere possibilmente di tipo CABLATO (ovvero utilizzano cavi fisici per la comunicazione dei diversi dispositivi) e una corretta progettazione dovrebbe tenere in cosiderazione gli spazi tecnici da adibire alle diverse apparecchiature. As esempio, si dovrà possibilmente predisporre un vano tecnico in cui installare le seguenti apparecchiature: controllori di domotica, relative alimentazioni e dispositivi di backup, centraline di sicurezza (antifurto e videosorveglianza), un eventuale rack per le apparecchiature di rete (switch, access point, audio diffusione, etc.)

Particolare importanza, rivesitrà anche la predisposizione di spazi per le espansioni future. In questo modo la proria abitazione sarà pronta ad accogliere nuove funzionalità non previstre nella fase iniziale.

RISTRUTTURAZIONI

In una ristrutturazione generalmente ci sono diversi vincoli di esecuzione. A volte infatti, le ristrutturazioni si limitano ad intervenire su alcune parti dell’edificio (es. il cappotto esterno o gli infissi), altre volte invece, sono coinvolte alcune parti strutturali come l’impianto elettrico e termico.
In funzione della tipologia di intervento quindi, si può scegliere di introdurre un sistema di domotica con funzionalità parziali (ad esempio approfitto del rifacimento del rivestimento esterno della casa per far passare i cavi dei sensori antifurto negli infissi o per eseguire l’installazione di un sistema di videosorveglianza) o di eseguire contemporaneamente degli interventi aggiuntivi e specifici che permetteranno di realizzare un sistema di domotica più completo (es. installazione di un quadro elettrico più grande o il posizionamento di un interfaccia fissa touchscreen a muro).
In ogni caso, la valutazione attenta delle necessità del cliente, unità alla approfondita conoscenza delle tecnologie attualmente disponibili, permetterà un’ottimizzazione dei costi di intervento e la massimizzazione dei benefici per l’utilizzatore.

Nelle ristrutturazione potranno quindi essere adottati sia sistemi CABLATI che WIRELESS o addirittura MISTI in funzione delle necessità specifiche.

SEMPLICE MIGLIORAMENTO DELL’ESISTENTE

La rivoluzione della domotica sta infine nella sua applicazione anche in ambienti che non sono stati pensati per una sua adeguata installazione. Molte abitazioni datate infatti, e purtroppo ancora troppo spesso, anche in abitazioni di recente costruzione, i progettisti e gli installatori non hanno considerato in fase esecutiva adeguate predisposizioni atte ad accogliere un sistema di domotica. Il risutato è che fino a qualche tempo fa, sarebbe satato assolutamente impossibile l’installazione di un sistema di automazione.

Grazie ai recenti sviluppi delle tecnologie in ambito WIRELESS e delle ONDE CONVOGLIATE, oggi possiamo tranquillamente asserire che sofisticati sistemi di domotica possono finalmente essere applicati anche in edifici esistenti.

A questo punto, a chiunque disponga di un’abitazione, è consentito un’ammodernamento delle proprie dotazioni tecnologiche, al fine di migiorare considerevolmente comfort, sicurezza e risparmio energetico.

Il principali vantaggi delle soluzioni non ivasive sono i seguenti:

  • COSTI CONTENUTI
    Le soluzioni wireless hanno dei costi decisamente contenuti; inoltre la loro installazione risulta molto semplice e veloce.
  • IMPLEMENTAZIONE NEL TEMPO
    Godendo del vantaggio di una instalazione non invasiva e rapida, le apparecchiautre wireless o basate su onde convogliate, possono essere installate progressivamente nel tempo. Per cui è possibile decidere di partire da poche funzionalità (es. il controllo di alcuni punti luce e automazioni) per poi ampliare le funzionalità in un secondo tempo.

Ancor più in questo caso, la progettazione, la scelta dei dispositivi e l’installazione di un sistema non invasivo dovrebbe essere realizzata da professionisti che conoscono i limiti di questi sistemi. Non ci dimentichiamo che la domotica che governa la propria abitazione dove essere un valore aggiunto per la casa e non un problema; per cui affidarsi a professionisti è quantomai necessario al fine di godere di tutti i vantaggi della domotica grazie a sistemi affidabili e stabili.